L’omo senza più poesia

Io sò er violino lassato ner silenzio d’un cantone e sò er pennello scordato dar pittore. Sò le scarpette ch’aripose la ballerina e sò er costume de scena in naftalina. Io sò la penna che affonna drento ar fojo sò er fojo bianco lassato immacolato. Io che a lo specchio fisso imbambolato la scocca dell’anima … Continua a leggere L’omo senza più poesia

Moscaceca

Me sò accecato ar cantone d’un vicolo smovo le mano e te cerco ner vòto immagino forme e tasto no spigolo. Mo ciò la benda sull’ occhi e non vedo tutto m’appare più bello e più bono nun sarà vero ma armeno ce credo. Il Gioco 13 agosto 2017 Leone Antenone detto Scartaccia