L’omo senza più poesia

Io sò er violino lassato ner silenzio d’un cantone e sò er pennello scordato dar pittore. Sò le scarpette ch’aripose la ballerina e sò er costume de scena in naftalina. Io sò la penna che affonna drento ar fojo sò er fojo bianco lassato immacolato. Io che a lo specchio fisso imbambolato la scocca dell’anima … Continua a leggere L’omo senza più poesia

Sonetto XXXIII

Spesso, a lusingar vette, vidi splendere sovranamente l’occhio del mattino, e baciar d’oro verdi prati, accendere pallidi rivi d’alchimìe divine. Poi vili fumi alzarsi, intorbidata d’un tratto quella celestiale fronte, e fuggendo a occidente il desolato mondo, l’astro celare il viso e l’onta. Anch’io sul far del giorno ebbi il mio sole e il suo … Continua a leggere Sonetto XXXIII

Lìder ne lo sticazzismo

Sticazzi! stigrancazzi! m’arimbarza! -Embè? Io me ne sbatto li cojoni! che bello passeggià pè li rioni cò l’eco de ste perle che s’innarza. Per ogni ‘fregancazzo!’ che risòni c’è un ‘tanti cazzi ar cazzo!’ che rincarza st’osanna all’indolenza in ogni sarza a Roma è er cacio su li maccheroni. D’artronne, noi esportamo in tutto er … Continua a leggere Lìder ne lo sticazzismo