Chicco De Riso

Mezzo sorriso me stampa sur viso
er Palloncino de Chicco De Riso
e me viè in mente un testo giocoso.
Pare un singhiozzo che senza preavviso
strozza la voce d’un bimbo curioso.
Coreva veloce in un posto preciso
però je scappa er filo e all’improviso
va verso er celo. La gioia è fumosa,
diventa infelice e perde er sorriso.
Tira cor naso e io guardo sta cosa,
smucino in sacoccia, cerco quarcosa,
(ma come l’aiuto sto moccioloso?)
e pesco, na caramella gommosa,
ciucca e ricuccia, e ritorna gioioso.
Sto testo che scarto nun sarà prosa
ma forse è poeta solo chi osa.

Sogno. Patatrac!
e dar sonno profonno
sti versi pe Zac.

22 settembre 2017
Leone Antenone detto Scartaccia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

18 − tredici =