Desideri

La Natura T’ha dipinto così
co quer grugnetto cha fa innamorà
e io trittico e nun so più che di’,
ciò er batticore e nun se pò fermà;
e pe questo, me possino cecà,
er core dole e nun Te vedo più.
Forme belle che è mejo nun toccà
me strizzo l’occhi e nun ce penso su.
T’ha fatto tanto bella, sei un bigiù,
ma tanto so già come va a finì
che senza de Te io me butto giù
me sento quasi quasi de morì.
Te me dai gusto, Te me fai smanià,
Te sei l’amore mio, fatte bacià.

19 aprile 2017
Leone Antenone detto Scartaccia
poeticamente tratto da “Sonnet 20
di William Shakespeare
opera depositata su Patamu.com
e rilasciata con licenza CC BY-ND 4.0.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

11 − due =