il Gioco dell’acchiapparella

Il gioco dell’ Acchiapparella è un gioco che si gioca all’aperto con due o più giocatori, meglio se si è in tanti a giocare. Uno dei giocatori viene prescelto per “stare sotto” e ha come compito quello di riuscire a toccare il compagno indicato per secondo dal sorteggio mentre è inseguito anche da gli altri giocatori; se ci riesce, chi è stato toccato prenderà il suo posto osservando la regola che chi è stato toccato non potrà ritoccare sul momento chi l’ha appena toccato. Se il fuggitivo viene catturato, prima di poter raggiungere la sperata salvezza, è tenuto al pagamento di un pegno che potrà riscattare alla fine del gioco, una volta che avrà effettuata la penitenza assegnatagli. Alla classica Acchiapparella, si può alternare, una variante detta Buzzico. Qui è l’individuo che deve correre contro tutti, cercando di toccare, in questa sua rincorsa, quello tra i numerosi fuggitivi che gli capita più a tiro. Il fuggitivo che viene toccato, deve considerarsi preso a tutti gli effetti, purché il compagno che lo ha cacciato non ometta di pronunciare l’espressione «Buzzico!». L’eventuale omissione di detta espressione sanzionatoria comporta, per il giocatore preso, la libertà di continuare a giocare. Infine alle tante variante dell’Acchiapparella segnalo quella che più semplicemente i giocatori chiamano “Rialzo”. I giocatori che scappano non possono essere catturati se si trovano in piedi su un piano rialzato (per esempio una panchina, una scala, o la sommità di un muretto).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *