La barchetta de carta

Vicino a la fontana de la villa
c’è una bella signora che ricama
un fascio de papaveri de stama
su un telarino lilla.
Ogni tanto se vorta e dà un’occhiata
a la pupa che gioca, e, un po’ più spesso,
laggiù, dove comincia l’arberata,
ar cancello d’ingresso.
Che fai, Ninnì? Perché nun giochi a palla?
Lo vedi, mamma? Ho fatto una barchetta,
(la madre nun s’è accorta che la pupa
j’ha preso un fojo drento la borsetta).
— Tesoro mio, sta’ attenta,
ché te se sciupa l’abbituccio bello:
se fai così, chissà che te diventa!… —
E ritorna a guardà verso er cancello.
La barca va, ma nun s’aregge dritta,
e a un certo punto sbatte in uno scojo,
se piega, s’apre e comparisce un fojo
che se spalanca da la parte scritta:
«Mario adorato! Passa verso sera
ché parleremo più libberamente.
Appena hai letto strappa. Fa’ in maniera
che la pupetta nun capisca gnente… ».

Trilussa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

12 − quattro =