Libero è annato all’Alberi Pizzuti.

Lì lo figuro co sega e scarpello
a smontà li cipressi in tante assi
e rimontalli co chiodi e martello.
Trasformerà quer dannato mortorio
in una bella e gran scenografia.
Quanno avrà fatto indosserà er cappello
e sentirà, seduto e soddisfatto,
er monologo d’un bell’angioletto.

30 gennaio 2017
Scartaccia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

5 × cinque =