Lìder ne lo sticazzismo

Sticazzi! stigrancazzi! m’arimbarza!
-Embè? Io me ne sbatto li cojoni!
che bello passeggià pè li rioni
cò l’eco de ste perle che s’innarza.

Per ogni ‘fregancazzo!’ che risòni
c’è un ‘tanti cazzi ar cazzo!’ che rincarza
st’osanna all’indolenza in ogni sarza
a Roma è er cacio su li maccheroni.

D’artronne, noi esportamo in tutto er monno
er mejo sticazzismo su la piazza
ciavemo giacimenti senza fonno

e in quanto a competenza, chi ce ammazza.
Ce viè da un disincanto in der profonno
tarmente tosto da esse na corazza

e nun conosce mazza
che sbrecci quela scorza de cinismo
che ce fa lìder ne lo sticazzismo.

Cassandrino Bellicapelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

nove − otto =