L’omo senza più poesia

Io sò er violino
lassato ner silenzio d’un cantone
e sò er pennello
scordato dar pittore.

Sò le scarpette
ch’aripose la ballerina
e sò er costume
de scena in naftalina.

Io sò la penna
che affonna drento ar fojo
sò er fojo bianco
lassato immacolato.

Io che a lo specchio fisso imbambolato
la scocca dell’anima mia
abbandonata
da la poesia.

Cassandrino Bellicapelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

undici − 6 =