Ora più che mai

Semmai arivi quer tempo severo
de quanno adosso ciai er peso dell’anni
e vive è più fatica che mistero,
perché senti solo acciacchi e malanni,
non sai ancora che tra tanti affanni
pure te pòi rischià quarche accidente
insomma te lo dico senza inganni
meno male che nun sarò presente.
Vedè sfiorì sta bellezza è indecente
già ce sto male cor solo pensiero.
Solo per questo divento imprudente
e scrivo quello che penso davvero.
Vedette invecchià pe me è sconvorgente
mejo un momento d’Amore sfuggente.

06 luglio 2017
Leone Antenone detto Scartaccia
poeticamente tratto dal “Sonnet 63
di William Shakespeare
opera depositata su Patamu.com
e rilasciata con licenza CC BY-ND 4.0.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciassette − 10 =