Er giorno der Giudizzio

Me l’immaggino già quer che succede ner giorno der Giudizzio Univerzale: “Peppe Fesso, pe te la vedo male; t’ho avvisato e nun hai vorzuto crede. Qui c’è scritto che nun hai messo piede indó s’annava contro la morale, nun ciài “fedine” zozze in tribbunale, nun ciài un’azzione fatta in malafede. Hai pagato le tasse fino all’osso, nun … Continua a leggere Er giorno der Giudizzio

Ar Poeta Dialettale

Comincia a scrive versi d’occasione ce ‘nzeppa in mezzo quello che je pare la Poesia l’ impara dentro ar bare, la sente ner parlà co le persone. È Lingua lunga, Core malandrino, Sputasentenze, Buggerapensiero, bulleggià co le rime tutto fiero Faccia de bronzo come Rugantino. È bello usà parole in libbertà ma senza regole, c’è … Continua a leggere Ar Poeta Dialettale

Er Pulitore

Sò “Cencio Bellosquardo” er pulitore, io sò l’imprenditore de me stesso ramazzo, scopo, lavo a più nun posso do’ passo io ritorna lo splendore. L’androne de le scale, l’ascensore piano su piano, ogni finestrone, me spiccio tutto quanto er Condomìnio co tutto l’occorente lavatore. Armato co no straccio, guanti e secchio a testa bassa lavo … Continua a leggere Er Pulitore

Trenta-Marzo-DuemilaUndici

Se qualcuno avesse il coraggio di viversi la propria età senza portarsi dentro quell’inutile rimpianto del tempo che se ne và. Nella miriadi prospettive del mondo avere la forza di “guardare” e di “farsi guardare”. Mettendo in luce le proprie ombre con la pretesa assurda di regalare un pezzetto di tristezza per trasformarla in un … Continua a leggere Trenta-Marzo-DuemilaUndici