Rime sur fojo

“E Te saluto!”, ho smesso de parlà,
pe legge quello che ciai scritto te
sur fojo: versi tronchi in libertà!
E mentre leggo me viè su un perché.
Perché sti versi me li vòi dà a me?
Me domanno, ma che diritto ciò?
E nun ne trovo. Tiettili pe te!
Così nun leggo più e te li ridò.
Sì, sì, me l’hai donati te però,
come faccio a sta zitto e abbozzà?
me dispiace ma devo di’ de no,
sti versi te li devi ripijà.
Sennò così perdo la dignità,
de dormì un sonno co tranquillità.

07 marzo 2017
Leone Antenone detto Scartaccia
poeticamente tratto dal “Sonnet 87
di William Shakespeare
opera depositata su Patamu.com
e rilasciata con licenza CC BY-ND 4.0.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quattro × 1 =