Roma arida

Roma aridà stornelli e serenate
nun canta più canzoni e ritornelli
pare na lagna de note stonate.
Roma aridà a la luna la bellezza
mezzo sorriso senza più fortuna
e mo s’abbotta solo de monnezza.
Roma aridà a la fonte l’acqua fresca
rimane secca e vota sottoponte
però regala fava romanesca.
Roma arida ormai nun sogna più
è come un omo senza gioventù.

29 luglio 2017
Leone Antenone detto Scartaccia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciotto + 6 =