Spiaggia

le onde si infrangono sulla riva,
le ore si inseguono tra gli istanti,
passi e minuti vanno alla deriva,
e fanno i conti con l’andare avanti.
Il sole con i suoi raggi brillanti,
risplende come un bimbo appena nato
fino al tramonto. Son anni raggianti,
che riprendono quello che hanno dato.
Il tempo ruba rarità al creato,
e scava rughe sulla pelle viva
nutrendosi di quello che è passato
e nulla si oppone a quello che arriva.
ma nonostante quel che stato è stato,
so che col Verso qualcosa ho lasciato.

7 aprile 2016
Leone Antenone detto Scartaccia
poeticamente tratto da “Sonnet 60
di William Shakespeare
opera depositata su Patamu.com
e rilasciata con licenza CC BY-ND 4.0.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

sette + 4 =