WILLIAMO UN PO’…

Io nun te posso avé sei troppo caro
Avoja si lo sai quanto te stimo
te libbero er valore e te lo rimo
pe dimostratte che nun so ‘n avaro
potrebbi trattenette, concessione
de un ricco che rigala ‘n occasione

Però, ma me lo merito davero
o casca giù dar celo ‘sto rigalo
senza sentì da te mai quanto valo
ma der brevetto mio nun fo mistero.
tra er tuo e er mio nun faccio paragoni
che lo potemo dì sò entrambi doni.

Che pe difenne sbandieramo: Addio!
pronti a cercà chiassà quali raggioni.
Questo in reartà perché nun semo bòni
a rinuncià de dì: “Ma questo è mio!”
E ner giudizio che sempre lusinga
c’è da sperà che mai nisuno finga!

Zac – Stefano Ambrosi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

tre − uno =