Li fantasmi der progresso

Gireno lenti in mezzo a li scaffali, co l’occhi bassi de chi è rassegnato, smicceno si li prezzi sò normali, si c’è quarche prodotto a bon mercato… Da quanno er fato j’ha strappato l’ali li sogni sò rimasti ner passato. finite le speranze e l’ideali… loro, er futuro, l’hanno scancellato. Sò li fantasmi tristi der … Continua a leggere Li fantasmi der progresso

La Cecità de l’ Òmo

Pe dà retta a la panza anziché ar còre se manna giù qualunque zozzeria, puro er più peggio schifo che ce sia a bon bisogno, cambia de sapore… Va  appresso, guasi fusse  ’na mania a valori che so’ senza valore, e nun s’acorge cher Pianeta mòre ner segno d’un trionfo de follìa. La smagna d’arivà nun se … Continua a leggere La Cecità de l’ Òmo

Commento alla Poesia “Naufrago”

Leone Antenone in questo suo “Naufrago” (un rondò “a palloncino”, che è peraltro una forma poetica di sua felice invenzione) assume movenze molto vicine all’atteggiamento neodialettale, non solo per la centralità tematica dell’Io, ma anche per l’originale, insolita, inedita giustapposizione di vocaboli corposi, in qualche misura espressionistici (…”Me ‘ntruppa er Disincanto, botte e scrocchi”…”relitto”… “scialuppa”… … Continua a leggere Commento alla Poesia “Naufrago”