Fiàcca

Roma s’ è fatta propio un gioieletto
tutti la vonno ma chi se la pija?
Tocca a Tullio che dopo quarche annetto
s’accomoda: così resta in famija!
Ar popolo e ar senato va perfetto!
Forse è d’allora che pe li romani
nun se fa oggi se se fa domani.

Accidia
Servio Tullio
02 gennaio 2020
Leone Antenone detto Scartaccia

4 commenti su “Fiàcca”

  1. Mariano

    Secondo me, la poesia sottolinea molto bene la sacra indolenza romana, molto ben raccontata da Scartaccia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *