Niunquità

Facce de stracci grigge
facce de feccia ligge
a la legge de l’istessità
compagne ar foco e ar mare
cagneno sempre senza mai cagnà
tra mmijjon de cristiani
dentro a mmillanta Rome
nissuno che mmerita
l’onor der nome.

Mauro Marè

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cinque × quattro =