Un gioco

Un gioco
Cammino
er celo è ffanga
acciacco nuvole
sotto a le piante un friccico
come d’un chissaqquale ariciccià
amor che ssempre mente e mmai raggiona
te portavo la luce co l’orecchie
fino a rrestà a lo scuro
finito er tempo
senza mai nissuno
che mme chiede ch’or’è
Roma millanta strade
e mmanco a una avè prescia d’annà.
Da solo un gioco adesso:
per aria er core
jje volo appresso.

Mauro Marè

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

1 × 2 =