Trenta-Marzo-DuemilaUndici

Se qualcuno avesse il coraggio di viversi la propria età senza portarsi dentro quell’inutile rimpianto del tempo che se ne và. Nella miriadi prospettive del mondo avere la forza di “guardare” e di “farsi guardare”. Mettendo in luce le proprie ombre con la pretesa assurda di regalare un pezzetto di tristezza per trasformarla in un … Continua a leggere Trenta-Marzo-DuemilaUndici

Er Somarello der Presepio

Somaro? Sò un equino lumacone cor vanto d’un incarico profonno, pe via che faccio da termosifone ar sovrano più povero der monno.   Servo quer Gesùcristo bonaccione che portò la parola a lo sprofonno: Quello che da la pace a le persone Quello che da speranza ar vagabonno.    J’ho inteso dì “Giustizzia, Fratellanza…”, e … Continua a leggere Er Somarello der Presepio

L’Omo è come er Latte

Sai quanto quer visetto me sfaciola? Io più lo guardo più sò innamorato. Rimango a rimirallo imbambolato robba da zagajiacce a ogni parola; Quanno me bolle un bacio in cazzarola divento come er Latte s’è Scremato lento, annacquato e troppo sbollentato! Pe questo devi usà la schiumarola buttamme giù de botto in d’una tazza, giramme … Continua a leggere L’Omo è come er Latte

A chi tanto a chi gnente

da quanno che dà segni de pazzia, povero Meo! fa pena! è diventato pallido, secco secco, allampanato, robba che  se lo vedi scappi via!   Er dottore m’ha detto: – è ‘na mania che nun se po’ guarì: lui s’è affissato d’esse un poeta, d’esse un letterato, ch’è la cosa più peggio che ce sia! – … Continua a leggere A chi tanto a chi gnente