Partita

Quanno ner gioco nun ciò più le mosse
perchè sò solo quello che ha passato,
insieme a te faccio le contromosse
te ‘nsegno tutto quello che ho sbajato.
Te presto er fianco p’ èsse sorpassato,
te svelo trucchi senza fa più er dritto.
Lascio la mano p’ èsse buggerato
e famme toje er piatto zitto, zitto.
Sto patto stucco si me fa sconfitto
e te fa vince, ma pure se fosse
io nun ce perdo anzi ne approfitto
ce raddoppio e nun sò parole grosse.
Vinco du vorte a statte appiccicato
e sò contento mica cojonato.

12 settembre 2017
Leone Antenone detto Scartaccia
poeticamente tratto dal “Sonnet 88
di William Shakespeare
opera depositata su Patamu.com
e rilasciata con licenza CC BY-ND 4.0.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

venti + dodici =