Tiravòja

Sverto e gajardo, massiccio e possente.Ha marciato tra tanti centurionisgobbato come un mulo resistente s’è fatto solo a furia de schiaffoni.Mario è un omo cicciato su dar gnente.Un omo novo vede quell’instanti che vive, ma sta già du’ passi avanti. SperanzaGaio Mario18 maggio 2020Leone Antenone detto Scartaccia

Atto Unico

sipario rosso su travi de cielocome fondale le nuvole scurela luna accesa fa l’occhio de boveun padre gioca ar cavajere nerotramonta er sole è l’ultimo atto. Pe tutti noi la vita è nosteriala scena è muta e scrocchiano l’applausi. 02 novembre 2020Scartaccia

Bonagràzia

Dentato è tutto core e tanta azionedifenne, offenne, sa domà le bervee a le pene dà consolazione;pe Roma se fa in quattro quanno servetra na fatica e na sopportazione.Trabocca er male, resiste la gentesenza l’amore nun se sarva gnente. CaritàManio Curio Dentato10 aprile 2020Leone Antenone detto Scartaccia

Diluvia

La sera se rischiara bruscamenteperché viè giù de botto nacquazzone.La pioggia è già passata ner presentee forse è solo questa la questione.Chi la sente, ricorda l’ occasioneche riporta a quer tempo de dorcezzaa quelle guance rosse d’emozionea quer grugno paonazzo dall’ebrezza.Tutta st’acqua che macchia er parabrezzarallegra la periferia dormientepergole nere ne la giovinezza.La sera fresca … Continua a leggere Diluvia

A Sperlonga

L’antica Roma chiusa in una grottatante rovine in mostra nell’acquarioun ber foro de muti come pesci;Pare un’umanità senza speranzache se tiè a galla panza contro panza.Io come loro un pesce però fori dell’acquaIncrespa l’onna, ingroppo er cavallonee vado su na strada tutta miae zitto zitto vedo l’orizzonte. 19 settembre 2020Leone Antenone detto Scartaccia

Acerba

Ha preso un “la” ma ancora non è notaè un ber sóno che ancora nn è voceperò è dorce in tutta quell’asprezza.Cià l’ammacco de chi se sente vivoe a un certo punto ar frutto der discorsomatura le parole e casca un verso. 02 luglio 2020Leone Antenone detto Scartaccia

29 agosto 2020

Nassolo de forchette,nadagio de ciavatte,la musica de sta senza fa gnenteda un ritmo scanzonatoa un ballo improvvisato,un tango de persone sur vialetto.L’orafo batte er tempo sull’ottonecià un telo nero trapunto de spilliappesi lassù fili chiusi a chiavie gabbiani d’argento,e anelli intrecciati.Ninnoli che rallegrano le danzedu’ giorni de vacanze.Sperlongo er passo, risplenne la lunae aspetto che … Continua a leggere 29 agosto 2020