Sonetto X del Burchiello

Nominativi fritti e mappamondi,e l’Arca di Noè fra duo colonnecantavan tutti “Kyrieleisonne”per la ’nfluenza de’ taglier mal tondi.La luna mi dicea: “Ché non rispondi?”et io risposi “I’ temo di Giansonne,però ch’ i’ odo che ’l diaquilonneè buona cosa a fare i cape’ biondi.”Et però le testuggine, e ’ tartufim’hanno posto l’assedio alle calcagne,dicendo “Noi vogliam, … Continua a leggere Sonetto X del Burchiello

Scilinguagnolo

Assieme ai giovani amici della Firenze cosmopolita, mio padre si divertiva poi da ragazzo a parlare in un linguaggio tra loro detto “scilinguagnolo”. Allo scilinguagnolo lui fa riferimento in una lettera spedita nel 1939 da Sapporo (Giappone) all’amico artista futurista Ernesto Michahelles, detto Thayaht, conservata al Mart di Rovereto. Descrivendo la comunità di studiosi e … Continua a leggere Scilinguagnolo

Poesia metasemantica

Dalla Premessa delle Gnòsi delle Fànfole di Fosco MarainiPer millenni il procedimento principe seguito nella formazione e nell’arricchimento del patrimonio linguistico è stato questo: dinanzi a cose, eventi, emozioni, pensieri nuovi, o ritenuti tali, trovare suoni che dessero loro foneticamente corpo e vita, che li rendessero moneta del discorso. A tale intento, in genere, servivano … Continua a leggere Poesia metasemantica

La ‘Patafisica

VIII DEFINIZIONE Un epifenomeno è ciò che si aggiunge a un fenomeno.La patafisica, la cui etimologia deve scriversi con l’ortografia reale ‘patafisica, preceduta da un apostrofo, per evitare un facile gioco di parole, è la scienza di ciò che si aggiunge alla metafisica, sia in essa, sia fuori di essa, estendendosi così ampiamente al di … Continua a leggere La ‘Patafisica

da guerriero di latta

Tu non sai l’incedere tortuosodei miei anni, gli arrivi trafelati,le ronde intorno al sogno,il cappio, la strettoia degli affanni;quel breve ornato degli incisi,nel largo intenso cerchio dei bisogni.E padre e figlio sono di quest’ansia:inchiostro, carta e viva fiammain cui lo sguardo calmo vagae senza pentimenti il cuore indaga. Lettera a TelemacoLuigi Amendola