A Sperlonga

L’antica Roma chiusa in una grottatante rovine in mostra nell’acquarioun ber foro de muti come pesci;Pare un’umanità senza speranzache se tiè a galla panza contro panza.Io come loro un pesce però fori dell’acquaIncrespa l’onna, ingroppo er cavallonee vado su na strada tutta miae zitto zitto vedo l’orizzonte. 19 settembre 2020Leone Antenone detto Scartaccia

Acerba

Ha preso un “la” ma ancora non è notaè un ber sóno che ancora nn è voceperò è dorce in tutta quell’asprezza.Cià l’ammacco de chi se sente vivoe a un certo punto ar frutto der discorsomatura le parole e casca un verso. 02 luglio 2020Leone Antenone detto Scartaccia

29 agosto 2020

Nassolo de forchette,nadagio de ciavatte,la musica de sta senza fa gnenteda un ritmo scanzonatoa un ballo improvvisato,un tango de persone sur vialetto.L’orafo batte er tempo sull’ottonecià un telo nero trapunto de spilliappesi lassù fili chiusi a chiavie gabbiani d’argento,e anelli intrecciati.Ninnoli che rallegrano le danzedu’ giorni de vacanze.Sperlongo er passo, risplenne la lunae aspetto che … Continua a leggere 29 agosto 2020

Quilìbbrio

Pianta cicoria, quarche ravanello,fa magnà l’oche e se raccoje l’ova.Posa la farce e ripone er rastrellosolo se Roma viè messa a la prova;lì Cincinnato sfodera er cervello.Però, ar trionfo de la dittaturase ne  ritorna a seminà verdura. TemperànzaLucio Quinzio Cincinnato27 gennaio 2020Leone Antenone detto Scartaccia

Dialogo Estivo

EstateEr cielo sgrulla pioggia a catinellepoi sbianca mette a ninna er solleonel’arietta imbruna e se veste de stelle.Tintarella de luna. Mo torna l’afa e la luna stupitade sta mascherata, se spostasur mare, speranno che affoghier male de chi creded’esse normale. Estate n.2E’ sempre la storia vecchia e baccucca,se scappa verso ‘na bella occasionema è solo … Continua a leggere Dialogo Estivo

Strafottìna

Oramai nun sò più li tempi saninun ce se guarda in faccia co nessunola mente sballa fa pensieri stranieppoi la mano ammazza uno pe uno.Così Tarquinio s’aggiusta li pianie regna cor sospetto e la ruganza;Roma casca tra er troppo e l’abbondanza. SupèrbiaLucio Tarquinio07 gennaio 2020Leone Antenone detto Scartaccia

Fiàcca

Roma s’ è fatta propio un gioielettotutti la vonno ma chi se la pija?Tocca a Tullio che dopo quarche annettos’accomoda: così resta in famija!Ar popolo e ar senato va perfetto!Forse è d’allora che pe li romaninun se fa oggi se se fa domani. AccìdiaServio Tullio02 gennaio 2020Leone Antenone detto Scartaccia