Bonagràzia

Dentato è tutto core e tanta azionedifenne, offenne, sa domà le bervee a le pene dà consolazione;pe Roma se fa in quattro quanno servetra na fatica e na sopportazione.Trabocca er male, resiste la gentesenza l’amore nun se sarva gnente. CaritàManio Curio Dentato10 aprile 2020Leone Antenone detto Scartaccia

Quilìbbrio

Pianta cicoria, quarche ravanello,fa magnà l’oche e se raccoje l’ova.Posa la farce e ripone er rastrellosolo se Roma viè messa a la prova;lì Cincinnato sfodera er cervello.Però, ar trionfo de la dittaturase ne  ritorna a seminà verdura. TemperànzaLucio Quinzio Cincinnato27 gennaio 2020Leone Antenone detto Scartaccia

Strafottìna

Oramai nun sò più li tempi saninun ce se guarda in faccia co nessunola mente sballa fa pensieri stranieppoi la mano ammazza uno pe uno.Così Tarquinio s’aggiusta li pianie regna cor sospetto e la ruganza;Roma casca tra er troppo e l’abbondanza. SupèrbiaLucio Tarquinio07 gennaio 2020Leone Antenone detto Scartaccia

Fiàcca

Roma s’ è fatta propio un gioielettotutti la vonno ma chi se la pija?Tocca a Tullio che dopo quarche annettos’accomoda: così resta in famija!Ar popolo e ar senato va perfetto!Forse è d’allora che pe li romaninun se fa oggi se se fa domani. AccìdiaServio Tullio02 gennaio 2020Leone Antenone detto Scartaccia

Spilorcerìa

Prisco è sverto e je piace de fa er dritto:conquista, spenne, spanne, cazzarola.Vince, stravince e nun è mai sconfitto.Nun je serve nemmanco na parola,è un assopijatutto e zitto zitto,se tiene tutto quanto stretto stretto,che nun va più nemmanco ar gabinetto. AvarìziaLucio Tarquinio Prisco02 ottobre 2019Leone Antenone detto Scartaccia 

Smània

C’è er campidojo er popolo er senatoer foro er fiume coll’acqua acetosama Anco che de fama è un affamatopensa che ancora manca quarche cosae manco detto già ha pontificato:“No nun ce pò bastà na riva sola!”Troppe chiacchiere a vorte sò na sòla. IngordìgiaAnco Marzio04 aprile 2019Leone Antenone detto Scartaccia

Fòtta

“Ha cominciato lui, famo la guera!”,“Io te sgrugno, te spacco come un riccio!”,“Vojo più gente e conquistà più tera!”.Tullo sta sempre a fà quarche bisticcio,attaccabrighe da matina a sera,mo pure co la morte s’è attaccato ma la commare secca l’ha seccato. ÌraTullio Ostilio29 marzo 2019Leone Antenone detto Scartaccia

Fregnarìa

Roma cià er nome, le donne, er successoma un capo sa, che la cosa nun regge.Allora Numa co tutto se stesso,gira e rigira, je scrive la legge.La fa però tra un piacere e un ampresso.Fatta la legge, trovato l’impiccio:a vorte è solo er gusto d’un capriccio. LussùriaNuma Pompilio27 marzo 2019Leone Antenone detto Scartaccia