Diluvia

La sera se rischiara bruscamente
perché viè giù de botto nacquazzone.
La pioggia è già passata ner presente
e forse è solo questa la questione.
Chi la sente, ricorda l’ occasione
che riporta a quer tempo de dorcezza
a quelle guance rosse d’emozione
a quer grugno paonazzo dall’ebrezza.
Tutta st’acqua che macchia er parabrezza
rallegra la periferia dormiente
pergole nere ne la giovinezza.
La sera fresca riporta a la mente,
la voce vivida d’un sempreassente:
mi padre lo risento tra la gente.

La llulvia
01 novembre 2020
Leone Antenone detto Scartaccia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: