Er cavallo der sovrano.

Davanti ar monumento nominato
Artare de la Patria, l’occhi in su
affissi a quer cavallo, me diceva
papà, che drento ar corpo equino,
muscoloso, popio sotto ar sovrano,
più de venti ce staveno seduti.
Regazzino, je detti la fiducia
fin all’età de la contestazione,
er tempo che se smontano li miti
der padre terrestre e quello eterno,
pe’ morde er frutto de la libbertà.
Doppo tant’anni, padre e puro nonno,
smontato puro io, m’è capitata
‘na foto, vecchia de cent’anni
che senza dubbio arcuno documenta
er brindese de venti e più cristiani
tutt’attorno a ‘na tavola seduti,
davanti a quattro fiaschi de Frascati.
Me so’ immalinconito e dispiaciuto
pe er dubbio su quelo che diceva
papà mio: nun solo der cavallo,
ma d’antro che j’avevo sbuggiarato
credenno a l’apparente evoluzione
de la coscienza, ovvero der penziero.

02 aprile 2021
Maurizio Rossi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: