L’Aquilone

“Caro” disubbidiente, l’anarchia
Cià sempre da ridì su chi commanna;
devi capì che la democrazia
voi o nun voi dev’èsse un po’ tiranna.
L’aquilone, stacce attento,
se ribbella contro er vento:
vola e s’aregge,
p’er filo che lo regola e protegge.

Anselmo D’Andrea

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: