Nun tutte le ciambelle cianno er buco

Sull’orlo de na mensola la cruna
d’un biscotto se crusca su de botto
e poi se cala giù dalla credenza.
Segue er filo funambolo ar destino
s’arragna ma poi perde la pazienza
e se butta s’un lago de stagnola.
Atto de fede in cerca de fortuna
all’orizzonte l’isola de pasta
sfrolla un pensiero, goloso è l’amore.
Le mussole piegate sullo zucchero
vedono restà l’asola da sola
cercava solo d’attaccà bottone.
S’arrangia er dubbio e imbastisco parole:
a cecio cucio toppe alli carzoni
e cocio cacio e pepe e rigatoni.

01 giugno 2022
Leone Antenone detto Scartaccia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: