Er canto de li ruderi

O ruderi impastati d’infinitodall’arte illuminata d’un mortalestanotte vojo annammene smaritoin mezzo a voi tra l’erba e le cicale.Quante parole e storie ate assorbiton’avete visti d’occhi gronnà saleche dopo secoli v’avrà sfinitost’umanità diversa e sempre ugualest’umanità de cui voi sete statie sete li cantori più sincerie spesso e volentieri inascortati.Ma qui stanotte ce sò io sortanto:me … Continua a leggere Er canto de li ruderi

[Cala la sera…]

Cala la sera      e attufa le cagnarede li gabbiani a piccosu ’na palla      che balla      la carioca…E gioca giocala trottola-Fetonte:      sta già làpe capitombolà      nell’orizzonte,nun se svortica più.S’è sfravolato      pe lungo er viale’no sguizzo orizzontale      sur serciato,la sguizzo-spera      der picchio strucchiato,der picchio micco.Nun fa ’na grinza er mare      griggio-blu. Claudio PorenaVincitore del Premio Scarpellino 2013

Er Sole

1Sorte da in fonno a un sitoindove nasce e more .Fa capoccella,spara sperelle,spegne le stelle,saluta la sorella.Poi pija l’ascensoree sale all’infinito . 2Attorno attorno…all’orizzonte,indora l’acqua azzura,accenne mezzo monnoe giostra er girotonno.E la naturaarza la frontea dà er bongiorno. 3Dà er via a la vita e fa sboccià li fiori,è come se principia ‘na partitariempennola de … Continua a leggere Er Sole

Nannì, na Gita a li Castelli

È ancora l’alba per le vie del mio quartiere quando mi dirigo verso la fermata “Quintiliani. L’arrivo della metropolitana mi fa scappare un sorriso, sul muso c’è scritto a lettere cubitale “Cobra”, sarà la firma di qualche graffitaro capitolino. Ho sempre pensato che somigli più a un lombrico lento e inesorabile che a un cobra … Continua a leggere Nannì, na Gita a li Castelli