L’Innustria

Un giorno che arrestai propio a la fetta,

senz’avè manco l’arma d’un quatrino,

senti che cosa fò: coro ar cammino

e roppo in quattro pezzi la paletta.

Poi me l’invorto sott’a la giacchetta

e vado a spasso pe Campovaccino

ad aspettà quarche ingrese milordino

da daje na corcata coll’accetta.
De fatti, ecco che viè quer c’aspettavo.

«Signore, guardi un po’ quest’anticaja

c’avemo trovo jeri in de lo scavo».
Lui se ficca l’occhiali, la scannaja,

me mette in mano un scudo, e dice: «Bravo!».

E accusí a Roma se pela la quaja.

 

Roma, 23 dicembre 1832

Der Medemo (G.G. Belli)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: